“Io non so come sia stato possibile, che mi sia accorta che se ne era andato. Ho di quel dolore un ricordo acuto. E, anche, il ricordo di una solitudine. Eppure se penso a quella notte, e anche all’altro perduto, ancora mi incupisco. Perché non erano un niente, quei figli grandi appena due millimetri. Erano unici, erano figli; e se ne sono andati. Non trovo altro che dirmi che li ritroverò, quel giorno, e li prenderò fra le braccia, e sarò di nuovo giovane, e loro bambini. Non c’è un altro paradiso che mi interessi. E se ce n’è un altro, non lo voglio. Se non è questo il paradiso, che me ne importa?”

http://www.tempi.it/blog/quel-giorno-li-ritrovero-noi-donne-e-i-nostri-figli-non-nati#.VZZYfhvtlHw

Annunci