Il “mondo nuovo” preconizzato da Aldous Huxley si avvicina.

Mienmiuaif

(articolo di Andreas Hofer/Emiliano Fumaneri uscito su Notizie ProVita)

Ancora venti, al massimo quarant’anni, e gli esseri umani saranno concepiti esclusivamente per via artificiale. Il sesso, per quanto svincolato da ogni finalità procreativa, non sparirà. Sopravviverà, ma come puro intrattenimento o come atto sovversivo, di sfida alle politiche sanitarie nazionali.
È quanto “profetizza” Henry T. Greely, direttore del Centro per la legge e le bioscienze di Stanford. Sul nostro sito avevamo accennato a esperimenti di questo tipo già un anno e mezzo fa.

Nel suo libro “The End of Sex and the Future of Human Reproduction” [La fine del sesso e il futuro della riproduzione umana] Greely spiega che due tecniche, il sequenziamento genetico e la tecnologia delle cellule staminali, rivoluzioneranno le modalità riproduttive del genere umano, che non passerà più necessariamente dal sesso.

Già oggi, fa notare lo studioso, diversi bambini nascono attraverso la Pgd (“pre-implantation genetic…

View original post 543 altre parole

Annunci