In attesa della decisione del giudice dell’Alta Corte se porre fine alla vita del dodicenne Archie i cui medici considerano morto cerebrale, i suoi familiari danno un’importante testimonianza: convertiti al cattolicesimo dopo l’incidente, chiedono preghiere e non proteste pubbliche. È un riconoscimento pubblico di chi è il vero Signore della vita. di Patricia Gooding-Williams (07-06-2022) […]

Archie, una conversione cambia la lotta per la vita